Buenos Aires - Dopo quattro giorni di preghiera e di lavori si è conclusa l’Assemblea Nazionale dei Direttori Diocesani delle Pontificie Opere Missionarie (POM) dell’Argentina con una Santa Messa concelebrata nella Cappella della Sede nazionale. Ad informarne l’Agenzia Fides è Juan Carlos Repik, Segretario Generale delle POM. All’incontro, celebrato dal 10 al 13 marzo, hanno partecipato 48 Diocesi delle 65 Circoscrizioni ecclesiastiche del Paese, così distribuiti: 44 Direttori delle POM, 4 Delegati dei Direttori e 5 accompagnatori; in totale, 53 persone, senza contare i membri della Sede nazionale.

La Santa Messa di chiusura è stata presieduta da Mons. Horacio Suárez, membro della Commissione Episcopale per le Missioni, il quale durante l’omelia ha manifestato la sua soddisfazione per aver potuto “condividere esperienze con coloro che hanno la responsabilità di lavorare nella vigna del Signore, magari non nella vendemmia, ma nel lavoro arduo di preparare la terra e piantare”. Ha concluso ricordando che Dio vuole che tutti gli uomini si salvino ed arrivino alla conoscenza della verità e, pertanto, dobbiamo lavorare nella coltivazione della vite affinché dia frutti e non accontentarci solo di prendercene cura. È urgente promuovere un’evangelizzazione dove si annunci apertamente Cristo: non c’è evangelizzazione senza l’annuncio esplicito del Vangelo”.

All'Assemblea ha partecipato anche p. Walter Von Holsen, SVD, Direttore Nazionale delle POM del Paraguay, il quale ha approfondito il tema “Carisma e Missione delle Pontificie Opere Missionarie”. Tra le diverse attività dell’Assemblea, il giorno 12 marzo si è svolto un pellegrinaggio al Santuario della Vergine di Luján, Patrona dell’Argentina, dove i pellegrini sono stati ricevuti dal Rettore, P. José Daniel Blanchoud. La celebrazione ha avuto inizio con l’entrata processionale dei quattro segretari Nazionali delle POM, che portavano il Trittico consegnato durante il CAM 3 a motivo della Missione Continentale. L’Eucaristia è stata presieduta dal Direttore Nazionale, P. Osvaldo Leone, il quale ha ricordato nella sua omelia che “condividendo la missione di Gesù, nessuno come sua Madre si è impegnato per la vita delle persone e dei popoli”. Per questo, “Ella, qui nella sua Casa, ci invita a partire e ad impegnarci risolutamente con la nostra vita”.

“Come Direttori delle Pontificie Opere Missionarie riuniti in Assemblea – ha aggiunto P. Leone - in stretta comunione ed al servizio di ognuna delle nostre Diocesi, siamo inviati da Luján, da questa capitale della fede, la cui gioia maggiore è l’amore di Dio”. Padre Leone ha concluso la sua omelia chiedendo a tutti l’impegno di “continuare ad implorare con Lei l’amore forte e l’audacia dello Spirito Santo, per rimanere uniti e condividere la nostra gioia di essere missionari di Gesù con tutti coloro che hanno sete di vita, sete di fraternità e sete di Dio”.

Al termine della Celebrazione, il Rettore del Santuario ha consegnato un’immagine della Vergine di Luján al Direttore Nazionale delle POM affinché venisse intronizzata nella Cappella della sede nazionale, atto che ha avuto luogo durante l’ultimo giorno dell’Assemblea. In processione, la Delegazione si è diretta poi fino alla tomba del Cardinale Edoardo Pironio, al quale sono stati affidati i frutti dell’Assemblea. “Dio conceda a ciascuno ed alle nostre comunità l’ardore missionario per contagiare gli altri della gioia e dell’entusiasmo che provoca la conoscenza di Gesù, e di portarlo impresso nelle nostre vite” ha aggiunto P. Osvaldo Leone al termine dell’Assemblea. (RG)
.